LA DIFFERENZA FRA GIOIA, PIACERE E FELICITÀ

Gioia: stato interiore che nasce dallo spirito e coinvolge fisico, emozioni, e pensieri, che sgorga dal profondo e si schiude in un sorriso spontaneo, che si ripete inspiegabilmente, ma è accompagnato da fatti che lo giustificano

Piacere: stato interiore e fisico che nasce prevalentemente dal fisico e nutre emozioni, pensieri e spirito.

Può nascere anche da un pensiero che induce un piacere forzato, che il fisico può non distinguere come tale, ma che lo spirito accoglie come contraffatto. 

Si protrae in un periodo limitato nel tempo

Felicità : sorge da un cambio di stato interiore, fondato su altri stati indispensabili, quali pace, gioia, amore, silenzio interiore e benessere, che cooperano e creano il terreno fertile per l'improvvisa ondata di felicità.

Può perdurare nel tempo, appoggiata sugli stati che la sorreggono.

È materia dello spirito, che nutre profondamente fisico, emozioni e mente. 

Stefano Scialpi 


Tags


Altri articoli

Se di Ruyard Kipling

Se di Ruyard Kipling

Page [tcb_pagination_current_page] of [tcb_pagination_total_pages]

>